Caro energia: Conficoni (Pd), Regione sostenga transizione anche per aziende sanitarie

Pubblicato il giovedì 10 Nov 2022

10.11.22 «Dopo le difficoltà vissute soprattutto in questi ultimi anni anche a causa della pandemia, le aziende sanitarie non possono permettersi un ulteriore colpo a causa degli aumenti fuori controllo dei costi dell’energia. È necessario che la Regione Fvg spinga la transizione ecologica promuovendo il risparmio energetico e la diffusione delle energie rinnovabili negli immobili gestiti delle aziende sanitarie». A chiederlo è il consigliere regionale Nicola Conficoni (Pd) che attraverso un’interrogazione chiede alla Giunta regionale quali siano gli interventi strutturali previsti per ridurre consumi e costi energetici delle Aziende del servizio sanitario regionale.

«Da tempo sosteniamo che il caro energia non si affronta solo con misure tampone ma anche con interventi strutturali. Per farlo in modo efficace è necessario capire qual’è lo stato attuale a partire da consumi e costi sostenuti negli ultimi tre anni dalle aziende del servizio sanitario regionale ovvero se è stato elaborato e finanziato un piano straordinario per contenerli. Inoltre – spiega Conficoni – poiché le fonti alternative sono una opportunità, è importante sapere quanti e quali immobili gestiti da Asugi, Asufc, Asfo, Cro di Aviano, Irccs Burlo Garofolo di Trieste e Arcs sono dotati di impianti fotovoltaici e solari termici nonché i benefici economici ed ambientali derivanti dal loro potenziamento. Il percorso di ammodernamento per ridurre bollette ed emissioni – conclude Conficoni – va accelerato per non far pesare sul sistema e sui cittadini l’ennesima scelta sbagliata».

Ne parlano

Redazione

Ne parlano

Redazione
Redazione

Articoli correlati…