Sanità: Conficoni (Pd), Regione inerme sui rincari ai servizi per disabili, aiuti le famiglie

Pubblicato il venerdì 11 Nov 2022

11.11.22 «Ancora una volta la Regione lascia i cittadini alle loro difficoltà. Ignorando gli appelli, tra cui il nostro a giugno attraverso un’interrogazione, la Giunta Fedriga non ha fatto nulla per evitare il rincaro dei servizi alle persone disabili nell’area di competenza dell’Asfo. Oggi, il ricorso al Tar promosso da alcune associazioni contro l’aumento delle quote di compartecipazione a carico delle famiglie, ci spinge nuovamente a sollecitare un intervento della Regione per venire incontro alle loro esigenze». Lo afferma il consigliere regionale Nicola Conficoni (Pd) componente della commissione Salute.

«Il fatto che in un momento di crisi si sia deciso di ritoccare le tariffe al rialzo è quanto mai inopportuno. Seppur condiviso in maniera unanime dai sindaci del pordenonese, infatti, il provvedimento pesa negativamente sulle spalle di famiglie in difficoltà che non a caso hanno impugnato il regolamento per l’accesso ai servizi in delega» commenta Conficoni ricordando che «lo scorso giugno, rispondendo a una nostra interrogazione, l’assessore Riccardi aveva chiarito che le maggiori uscite a carico degli utenti ammontano a 90mila euro. Nonostante gli ultimi assestamenti del bilancio regionale abbiano ripartito oltre un miliardo, però, il nostro appello a non penalizzare ulteriormente famiglie già colpite dall’inflazione è caduto nel vuoto. Noi non siamo stati ascoltati, ma l’assessore Riccardi non sia sordo anche difronte al ricorso dei cittadini e promuova una soluzione politica al problema».

Ne parlano

Redazione

Ne parlano

Redazione
Redazione

Articoli correlati…